Stai Leggendo
Asparagi: proprietà e valori nutrizionali

Asparagi: proprietà e valori nutrizionali

Asparagi: proprietà e valori nutrizionali

Asparagi, proprietà e valori nutrizionali. Promuovono le funzioni depurative dell’organismo, favoriscono il drenaggio dei liquidi corporei e la funzionalità del sistema urinario. Consigli per usare gli asparagi in cucina

Asparagi, proprietà e valori nutrizionali. Gli asparagi (Asparagus officinalis) appartengono alla famiglia delle Liliaceae, la stessa dell’aglio. Gli asparagi selvatici crescono prevalentemente nei boschi e nei pascoli e sono molto più sottili rispetto a quelli coltivati. Hanno un colore verde scuro e per il loro sapore caratteristico sono molto utilizzati in cucina per la preparazione risotti e frittate.

Presentano un alto contenuto di minerali, in particolare potassio, importante per la funzionalità cardiaca e muscolare. Non meno importanti le vitamine, saponine ad attività cardiotonica, diuretica e lassativa, polifenoli, flavonoidi e olio essenziale.

Asparagi, proprietà, valori nutrizionali e indicazioni terapeutiche

Dal punto di vista calorico 100 g di asparagi crudi contengono 29 kcal/100gr, mentre quelli cotti bolliti contengono 41 kcal/100 gr.

Funzione diuretica e depurativa

L’asparago promuove le funzioni depurative dell’organismo, favorisce il drenaggio dei liquidi corporei e la funzionalità del sistema urinario. Risulta anche utile nel trattamento di edemi, oligurie dei cardiaci in cui è presente una diminuita escrezione urinaria dovuta a disfunzione dell’apparato urinario. Può essere utilizzato nei disturbi epatici, nella gotta favorendo l’eliminazione degli urati (derivati dell’acido urico), infine trova impiego nelle forme reumatiche in genere per ridurre edemi e gonfiore a livello articolare.

Funzione declorificante e di riduzione dell’assorbimento di sodio e altre sostanze

Inibisce il riassorbimento di sodio a livello del tubolo prossimale favorendo l’eliminazione dello stesso. Favorisce anche l’eliminazione di composti azotati, cloruri e fosfati.

✅ Funzione anti-idropica e dimagrante

Riduce l’accumulo di liquidi e favorisce la loro eliminazione. Per questo motivo è indicato come coadiuvante nelle diete ipocaloriche.

Importante è l’utilizzo nelle cistiti e nelle litiasi. Risulta utile nel trattamento delle infezioni delle vie urinarie, nella cura delle patologie legate alla formazione di calcoli renali e anche nella prevenzione delle litiasi favorendo l’eliminazione dei calcoli e dei batteri attraverso l’incremento del flusso urinario.

Curiosità sugli asparagi

Nella medicina cinese l’asprarago è usato da millenni nel trattamento di tosse, secchezza della gola, della bocca e nelle forme di costipazione grazie alle saponine a cui è legato l’effetto lassativo.

Effetti collaterali e controindicazioni

Gli asparagi causano irritazione renale e odore sgradevole delle urine. Non assumere gli asparagi in caso di nefriti o altre patologie renali conclamate. Evitare l’assunzione come diuretico in persone con ridotta funzionalità cardiaca (insufficienza cardiaca) e renale (pazienti in dialisi).

Leggi Anche
Arachidi, proprietà e valori nutrizionali

Per ogni dubbio chiedi sempre consiglio al tuo medico o al tuo farmacista di fiducia.

Asparagi in cucina. Come preparare una frittata di asparagi

Difficoltà: Facile
Preparazione: 20 min
Cottura: 40 min
Dosi per: 4 persone

Per preparare la frittata di asparagi iniziate lavando gli asparagi. Togliete la parte bianca e più dura del fusto e lessateli per 15 minuti circa  in acqua salata. Una volta cotti tagliateli a pezzettini. Prendete una padella nel quale fate sciogliere del burro o se preferite dell’olio EVO. Aggiungete del porro tagliato a rondelle e infine gli asparagi tagliati precedentemente a pezzetti. Aggiungere sale e pepe e fate cuocere il tutto per qualche minuto, fino a che gli asparagi non perderanno più acqua di cottura.

In un recipiente sbattete le uova, aggiungete il pepe, il formaggio grattugiato, le verdure tiepide, della provola affumicata tagliata a dadini (si può fare anche senza se non gradito) e infine l’erba cipollina o il prezzemolo. Mescolare bene gli ingredienti tra loro. In una padella antiaderente mettete l’olio e scaldatelo. Infine aggiungete  il composto di uova e cuocete la frittata. Quando entrambi i lati della frittata saranno ben dorati, tagliatela a pezzi e servitela.

A cura del Dr. Antonio Proggi

Leggi anche: Timo olio essenziale proprietà

Cosa pensi di questo articolo?
Arrabbiato
0
Dubbioso
0
Eccezionale
0
Felice
1
Interessante
2
Leggi Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzi email non sarà pubblicato.

COPYRIGHT 2020 ESPERTIDELLASALUTE.IT

Torna Su