Stai Leggendo
Selenio: fabbisogno giornaliero, carenza, sintomi e alimenti che lo contengono

Selenio: fabbisogno giornaliero, carenza, sintomi e alimenti che lo contengono

Selenio, fabbisogno giornaliero e alimenti che lo contengono. Cardiopatie, ipertensione, suscettibilità maggiore ad infezioni, anemia emolitica, cirrosi, neoplasie, sclerosi multipla, invecchiamento precoce e arteriosclerosi da carenza.

Il Selenio è un importante antiossidante che protegge le membrane cellulari e il DNA dai danni dei radicali liberi. Confermato è il suo ruolo coenzimatico nel metabolismo degli ormoni tiroidei, contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario e della spermatogenesi.

Quali sono gli alimenti ricchi di selenio?

Gli alimenti ricchi di selenio sono le frattaglie, frutti di mare, pesce, cereali, carne e frutta a guscio.

Maggiore è il livello di selenio nel terreno, maggiore la sua presenza nei vegetali. Secondo i LARN i livelli di assunzione raccomandati di selenio sono di 55 microgrammi/die.

L’apporto di selenio con la dieta è piuttosto scarso secondo l’Istituto Superiore di Sanità in quanto l’Italia è una zona a basso contenuto di selenio.

La carenza di selenio provoca cardiopatie, ipertensione, suscettibilità maggiore ad infezioni, anemia emolitica, cirrosi, neoplasie, sclerosi multipla, invecchiamento precoce e arteriosclerosi.

Leggi Anche
Avocado, frutto esotico dalle spiccate proprietà nutritive

Si consiglia l’assunzione giornaliera di integratori alimentari che contengano selenio al fine di coprire il fabbisogno dello stesso.

Chiedi sempre consiglio al tuo medico o al tuo farmacista.

A cura del Dr. Antonio Proggi

Cosa pensi di questo articolo?
Arrabbiato
0
Dubbioso
0
Eccezionale
0
Felice
0
Interessante
0
Leggi Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzi email non sarà pubblicato.

COPYRIGHT 2021 ESPERTIDELLASALUTE.IT

Torna Su