Stai Leggendo
Lattoferrina, proprietà e benefici

Lattoferrina, proprietà e benefici

ferrina proprietà e benefici

Lattoferrina, proprietà e benefici di una proteina coinvolta nell’assorbimento del ferro e nella risposta immunitaria dell’organismo. Covid-19 e Lattoferrina ci sono evidenze scientifiche?

Dove si trova la Lattoferrina?

La lattoferrina è una proteina dalle proprietà e benefici fondamentali per il nostro organismo. Naturalmente presente nel latte e nei fluidi corporei, in alcune secrezioni mucose, nella saliva, nelle lacrime, nei fluidi vaginali, nello sperma e nelle secrezioni polmonari e nasali. E’ presente anche nei granulociti neutrofili, ossia le cellule appartenenti al gruppo dei leucociti che sono coinvolti nella risposta immunitaria dell’organismo.

Il colostro, che il seno della donna produce subito dopo il parto é ricco di lattoferrina, favorisce lo sviluppo dei batteri intestinali buoni, che aiutano il neonato ad eliminare i patogeni responsabili delle gastroenteriti e lo difendono da eventuali altri infezioni microbiche.

Con il passare dei giorni, il colostro si trasforma in latte, quindi la quantità di lattoferrina si riduce, ma in contemporanea il bambino inizia a sviluppare le sue difese immunitarie, quindi non necessita più del quantitativo iniziale. Nel latte vaccino invece la lattoferrina non sempre è presente.

Leggi anche: Alimenti e prevenzione dell’influenza stagionale

Principali proprietà della Lattoferrina

La lattoferrina (o lattotransferrina) è una glico-proteina, coinvolta nel trasporto del ferro nel flusso sanguigno, ha un’elevata attività antimicrobica e immunomodulatoria. Ha inoltre un’azione antinfiammatoria, è coinvolta nelle risposte dell’ospite alle infezioni, inoltre possiede una notevole attività antiossidante.

L’attività antimicrobica della lattoferrina è stata attribuita alla capacità di sequestrare il ferro necessario alla crescita batterica. Presenza inoltre proprietà antitumorali in corso di studio.

È la principale proteina che si occupa del trasporto del ferro nel nostro sistema circolatorio. Inoltre è in grado di sottrarlo al metabolismo dei microrganismi patogeni presenti nel nostro organismo, eliminandoli di fatto. Rinforza il sistema immunitario e favorisce anche l’assorbimento a livello intestinale del ferro.

Per diagnosticare alcune malattie, come il morbo di Crohn e la colite ulcerosa si analizza proprio la quantità di lattoferrina presente nelle feci. Difatti queste patologie sono tipicamente accompagnate da un aumento di lattoferrina nelle feci. In generale un aumento di lattoferrina nel sangue, indica infezioni batteriche o processi infiammatori.

Controindicazioni e uso errato della Lattoferrina

Un uso errato o eccessivo della lattoferrina può causare dolore addominale, diarrea o costipazione. La vendita di integratori di lattoferrina non è soggetta a presentazione di ricetta medica, pertanto si possono acquistare liberamente. E’controindicata l’assunzione in gravidanza o allattamento.

Covid-19 e Lattoferrina

Nonostante le sue proprietà antimicrobiche e immunostimolanti, attualmente non sappiamo se la lattoferrina possa essere utile nella prevenzione o nel trattamento del COVID-19 (il Ministero della Salute in una recente circolare ha evidenziato una carenza di prove scientifiche che legano la lattoferrina e altre sostanze alla prevenzione delle infezioni da Sars-Cov-2).

Sappiamo però che in colture cellulari, la lattoferrina ha inibito l’infezione da pseudovirus SARS in modo dose-dipendente (questo virus è strettamente correlato al SARS-CoV-2 che causa COVID-19).

Leggi Anche
Magnesio: proprietà e benefici

La lattoferrina potrebbe avere un ruolo nel sequestrare il ferro e le molecole pro-infiammatorie che aumentano notevolmente durante la “tempesta citochinica” che caratterizza i casi gravi di infezione da Sars-Cov-2.

Inoltre, potrebbe prevenire il legame del virus agli HSPG (siti di ancoraggio) a recettori specifici. Questi sono i siti attraverso i quali il SARS-CoV-2 si ancora nelle cellule dell’organismo per invaderle.

Se pur promettenti infatti, tali dati necessitano di una rigorosa verifica in un trial clinico randomizzato, per poter verificare l’effettiva efficacia di questo trattamento.

E’ sempre bene chiedere un consulto al proprio medico o al farmacista prima di assumere la lattoferrina.

A cura della Dr.ssa Maria Adelaide Palmieri, Farmacista.

Cosa pensi di questo articolo?
Arrabbiato
0
Dubbioso
0
Eccezionale
0
Felice
0
Interessante
3
Leggi Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzi email non sarà pubblicato.

COPYRIGHT 2020 ESPERTIDELLASALUTE.IT

Torna Su