Stai Leggendo
Ortica: proprietà, uso e controindicazioni

Ortica: proprietà, uso e controindicazioni

Ortica: proprietà, uso e controindicazioni

Ortica, proprietà, uso e controindicazioni. Funzione depurativa e diuretica. Prevenzione e riduzione dei sintomi associati a ipertrofia prostatica benigna

Ortica, proprietà, uso e controindicazioni. L’ortica (Urtica dioica, dal latino urere che significa “bruciare” in riferimento ai suoi peli urticanti) appartiene alla famiglia delle Urticaceae. E’ nota fin dall’antichità per le innumerevoli proprietà medicinali delle foglie e delle radici.

Proprietà principali dell’Ortica

L’0rtica è ricca di vitamina C, minerali, silicio, ferro, manganese, potassio, calcio, acido folico, tannini e istamina. Presenta anche acetilcolina, clorofilla, acido gallico e acido formico.

Proprio grazie a queste sue componenti l’ortica possiede molte proprietà curative.

Le radici di Ortica possono essere considerate una valida opzione terapeutica nella prevenzione e nella riduzione dei sintomi collegati a ipertrofia prostatica benigna. Sia l’OMS che l’ESCOP riconoscono l’utilità delle radici, nell’alleviare le difficoltà della minzione (frequenza eccessiva e nicturia).

Depura l’organismo e favorisce la diuresi. E’ consigliata in caso di affezioni reumatiche, artrite, gotta, nella prevenzione e nel trattamento della litiasi renale e nella renella.

In generale risulta utile quando occorre produrre un’azione disintossicante. Grazie all’alto contenuto di ferro, acido folico, minerali e clorofilla, le foglie sono reputate un valido rimineralizzante e anti-anemico.

E’ un tonico-stimolante, ha proprietà ricostituenti, utile in caso di convalescenza. Le foglie sono ricchissime di sali minerali, specialmente di silicio, che stimola il sistema immunitario, di fosforo, magnesio, calcio, manganese e potassio, vitamine A, C e K.

Ha una funzione emostatica quindi può essere impiegata nei casi di emorragie nasali e uterine non gravi. È utilissima inoltre per le donne che soffrono di mestruazioni abbondanti.

Presenta una funzione normalizzante della flora batterica intestinale. Grazie alla presenza di tannini possiede anche proprietà astringenti. E’ usata come anti-diarroico in caso di colite o di dissenteria. E’ stato dimostrato inoltre come le foglie di ortica abbiano una leggera azione anti-diabetica.

Presenta anche una funzione galattogoga, per uso esterno ha effetto emolliente. Viene impiegata infatti nel trattamento di malattie della pelle, come la dermatite seborroica, eruzioni cutanee e contro l’acne.

Rinforza cartilagini e le unghie fragili e viene usata contro l’alopecia. I migliori risultati si ottengono assumendola per via orale e allo stesso tempo facendo delle applicazioni locali.

Dosi e modalità di assunzione dell’Ortica

USO ORALE

Le foglie di ortica apportano vitamine e minerali utili a rinforzare i capelli, in particolare, l’ortica è ricca di zolfo, zinco, rame, ferro, calcio e potassio, oltre alle vitamine A, C, B2, B5 e B9. Per questo motivo, l’uso di estratti a base di ortica aiuta a ritrovare la naturale bellezza dei capelli e a prevenirne la caduta. L’ortica è un rimedio adatto a chi ha capelli fragili e si rivela un ottimo alleato anche per combattere la forfora e i capelli grassi.

USO ESTERNO

Leggi Anche
Agnocasto: proprietà uso e controindicazioni

Le foglie di ortica essiccate e ridotte in polvere possono essere utilizzate per preparare infusi o macerati oleosi da utilizzare come lozione anti-caduta per i capelli, oppure possono essere aggiunte a shampoo a secco, maschere per capelli o shampoo per capelli fragili che tendono a cadere. Si tratta di un rimedio naturale utile per nutrire e rinforzare i capelli fragili e anche per chi ha capelli grassi o presenta forfora. Si applica sui capelli e si massaggia insistendo sulle radici.

Tintura madre: assumere 20 gocce in poca acqua due volte al giorno prima dei pasti.

Infuso: 1 cucchiaio raso di foglie di ortica, 1 tazza d’acqua. Versare l’ortica nell’acqua bollente a fuoco spento. Coprire e lasciare in infusione per 10 min. Non fare bollire l’ortica è importante, per evitare che la pianta perda parte delle sue proprietà curative. Filtrare l’infuso, dolcificando con miele se si desidera. Berlo lontano dai pasti per usufruire dell’azione remineralizzante, anti-anemica, depurativa e diuretica.

Controindicazioni

L’assunzione dell’ortica è sconsigliata durante la gravidanza. Tutta la pianta è ricoperta da una peluria urticante che può causare allergia e irritazioni. Infine, date le proprietà diuretiche, se ne sconsiglia l’uso in concomitanza con farmaci diuretici.

Se accidentalmente doveste toccarla, avvertirete un forte bruciore, la parte interessata non deve essere stofinata o sfregata perché in qualche minuto il prurito si attenua da solo senza effetti collaterali. Prima del consumo o applicazione per scopi curativi chiedete informazioni al vostro farmacista, medico o erborista.

A cura della Dott.ssa Brunella Esposto

Dizionario di fitoterapia e piante medicinali, Enrica Campanini, Tecniche nuove.

Leggi anche: Tarassaco: Proprietà Depurativa e Detossificante

Cosa pensi di questo articolo?
Arrabbiato
0
Dubbioso
0
Eccezionale
0
Felice
0
Interessante
0
Leggi Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzi email non sarà pubblicato.

COPYRIGHT 2021 ESPERTIDELLASALUTE.IT

Torna Su